Politiche di genere, 30 agosto 2019

politiche di genere

Politiche di genere,  30 Agosto 2019.

Sono gli ultimi afosissimi giorni di un ‘estate davvero torrida mentre boccheggiando mi avvio a tornare verso casa.  Sono le 19.00 e decido di fare una sosta sotto una piccola zona d’ombra .  Tiro fuori il cellulare e scorro su e giu’ le notizie del giorno. Crisi di governo.  Nessuna novita’ visto che in questi ultimi dieci anni ne abbiamo viste di tutti i colori.  Le solite giacche scure.  Cravatte e pantaloni nelle immagini che contano e che si susseguono agli articoli.  A ricordarmi che nulla e’ cambiato e che la politica come il calcio e’ ancora territorio “riservato”.

Politiche di genere: l’asso nella manica

Poi ecco che tra i punti programmatici proposti in extremis da una delle forze politiche in gioco spuntano le “politiche di genere”.  Avete presente quei maglioni vecchi dimenticati nell’armadio che vorremmo tanto buttare via ma che “non si sa mai potrebbero servire” ?  E che un po’ per abitudine e un po’ per affetto teniamo e che periodicamente rispolveriamo ma solo per non fare ammuffire?  Ecco, le “politiche di genere” sono quelle cose di cui tanto si vorrebbe fare a meno.  Inutili, vecchie ma che “non si sa mai potrebbero servire”.   E che ogni tanto la politica tira fuori dall’armadio “delle cose da fare”.

Donne si’, donne no… politiche di genere solo in campagna elettorale

Ora, senza entrare nel merito e senza volere esprimere alcun parere personale ne’ citare alcuno, mi chiedo: e’ possibile che le politiche femminili vengano sbandierate solo in campagna elettorale?   O quando qualche forza politica in campo sente suonare da lontano il “de profundis”? ….  Ma non avevano detto gli stessi ( che ora propongono una’ pink list’ delle priorita’ assolute in campo femminile) che  per le donne non c’e’ bisogno di alcuna politica a favore perche’ la parita’ uomo donna c’e’ gia’?

Lasciateci stare…

Eh sì , quando si cerca di stare a galla o si cercano tutti i consensi possibili ecco li’ che le donne, come il vecchio maglione dimenticato nell’armadio, vengono bene.   Del resto il diritto di voto ormai le donne lo hanno ottenuto e quindi chissa’ – si saranno detti- che riusciamo ad accaparrarci qualche consenso in piu’ .

A questo punto non sapevo se ridere o piangere.  Per la verita’ ho riso.   Ma come si fa a pensare che ancora qualcunA creda alla politica fatta di giacche e cravatte?

Cari politici, lasciateci perdere e pensateci bene prima di parlare di politiche di genere.  Le donne non sono stupide e , soprattutto, non dimenticano!

P.C.

0 0 votes
Article Rating